fbpx

Blog

HomeralloweblogLa vecchia, Marsala

La vecchia, Marsala

Nessun’altra terra al mondo è capace di farsi cibo con la stessa intensità della Sicilia.

I piatti della tradizione sono pertanto un gustoso riassunto della nostra essenza. 

La commistione di diverse culture, nel corso dei secoli, ha plasmato e reso peculiari anche le abitudini a tavola dei Siciliani.

Non esiste, però, una tradizione gastronomica siciliana che abbraccia e caratterizza l’isola nella sua interezza; ogni zona della Sicilia presenta, infatti, prodotti locali d’eccellenza e piatti tipici fortemente identitari, che con alta probabilità sarà difficile trovare non solo in altre regioni italiane ma anche in località dell’isola diverse da quella che si sta visitando.

Se ti trovi per le vie di Marsala non puoi non non fare tappa, specie se a ora di pranzo, in via Abele Damiani, una viuzza stretta a pochi metri dalla Chiesa Madre, una via che per la verità, per se stessa non meriterebbe una passeggiata apposita, ma se al termine della stessa a beneficiarne è la gola, i piedi, guidati probabilmente dallo stomaco, si prestano volentieri. 

La vecchia salumeria, ti attende per prepararti il miglior pane cunzato della zona. “Pane cunzatu”, ossia pane condito, uno dei più buoni pasti poveri della cultura gastronomica siciliana. In mancanza d’un companatico ricco, diventò normale arricchire il pane di sapori, odori e condimenti dal costo economico e sopratutto di facile reperibilità.

Pane cunzato oggi è perlopiù un pane di grano duro ricoperto di giuggiulena farcito di pomodoro secco, olive, acciughe, capperi, pecorino, pepe, sale olio, basilico.

Nella versione estiva, quella che noi abbiamo assaggiato, il pomodoro era fresco: un piatto povero, è vero, ma ricco di sapori e odori, assolutamente inebriante.

E gustose sono tutte le pietanze che puoi trovare in questa bottega, un’antica salumeria con un bancone ricco di prodotti locali di qualità tutti a bella vista, così come curata è l’esposizione della merce in vendita: pasta, vino, condimenti, uova, legumi secchi, inevitabile osservarli se decidi di fermarti a mangiare dal momento che il cortile esterno, quello deputato a luogo d’accoglienza si trova proprio giù in fondo.

Gestita da una famiglia locale, porta in tavola pietanze gustose della tradizione, seguendo lo scorrere delle stagioni e prediligendo i cibi a km zero.

Un luogo dove cortesia e ospitalità del signor Danilo rendono ancora più piacevole la visita. 

Assolutamente consigliato!